L’appartamento di Carrie Bradshaw adesso si può finalmente fittare. La casa di Carrie in Sex and the City è completa di un cordless e di una collana ed è su AIRBNB

appartamento di Carrie Bradshaw - neomag.

Dopo anni un piccolo sogno per le fan di Sex and the City si avvera: dormire nell’appartamento di Carrie Bradshaw.

Infatti prima dell’uscita di And Just Like That…, il sequel della serie tv, le fan potranno far finta di essere “dentro” Sex and the City grazie ad Airbnb.

Ecco la notizia: Warner Bros. e Airbnb hanno ricreato minuziosamente l’appartamento all’interno di una brownstone newyorchese di Carrie Bradshaw, Le pareti sono state dipinte in color pistacchi, il telefono cordless molto anni 2000 è stato inserito così come l’iconico laptop nero di Carrie con sopra un post-it (contenente la password WiFi…).



La cabina armadio di Carrie

All’interno della casa di Carrie ci sarà anche la sua invidiatissima cabina armadio. È assolutamente pieno di vestiti, accessori e, naturalmente, Manolo Blahnik per ricreare gli iconici look di Carrie Bradshaw. I capi e gli oggetti iconici della serie, dalla collana d’oro di Carrie al tutù di Patricia Field che Miss Bradshaw indossa nei titoli di testa, sono a disposizione di chi, dopo aver affittato la casa, desidera provarli. Anche gli scaffali e gli armadietti sono completi di tutto quello che serve, dai bicchieri da Martini, perfetti per fare il Cosmopolitan della serie, ai numeri di Vogue.

Stanza di Carrie - Neomag.

Diventare Carrie per un giorno

A disposizione ci saranno anche uno styling personalizzato e un servizio fotografico per far indossare gli abiti alla stessa maniera di Carrie.

Anche Sarah Jessica Parker farà parte dell’esperienza in maniera virtuale: al momento del check-in saluterà virtualmente gli ospiti, nellostesso stile del personaggio che ha reso famoso.

Le prenotazioni per l’appartamento di Carrie Bradshaw nel quartiere newyorkese di Chelsea si aprono l’8 novembre a mezzogiorno  (a questo link).

Il prezzo? Solo 23 dollari a notte – un’allusione alla prima puntata di Sex and the City di ventitré anni fa.