Il 6 Maggio è prevista l’apertura di Supreme a Milano. In attesa di vedere l’evento ufficiale, ecco le prime foto pubblicate

Il 6 Maggio apre ufficialmente il primo Store di Supreme in Italia. Poche ore fa, tramite un post Instagram, Supreme ha regalato ai fan italiani un teaser dello spazio in Corso Garibaldi. Il design dello spazio di Supreme a Milano non si discosta molto dal tipico interior design che caratterizza gli store del brand presenti a New York, dominato da inserti in legno chiaro, accenti bianchi, opere d’arte, insieme ad una parete ricoperta di skate, immagini e accessori.

Lo store Supreme di Milano aprirà finalmente le sue porte oggi, giovedì 6 maggio.



Supreme a Milano

L’apertura dello store a Milano rappresenta l’inizio di un nuovo capitolo creativo per Supreme che è stato recentemente acquistato dal gruppo VF Corp (Vans, North Face, Timberland e molti altri brand) e che oggi si deve confrontare con un hype in fase calante. Nonostante questo, l’estetica di Supreme dovrebbe rimanere intatta anche con il cambio di proprietà insieme ai suoi rituali: uno di questi, forse il più atteso, è la release della boxlogo dedicata alla nuova apertura, una tradizione iniziata da Jebbia a Tokyo nel 1998 e poi rispettata per ognuno dei 12 store sparsi in tutto il mondo.

La Box Logo di Supreme

La Box Logo di Supreme è il capo simbolo che rappresenta il brand nel mondo: racchiude l’estetica, la storia e l’ethos di un brand che ha fatto di un logo semplice la sua arma per giocare con la cultura contemporanea. Le Box Logo celebrative degli opening non sono le più fantasiose prodotte dal brand, ma restano dei pezzi storici che avvicinano fan di vecchia data del brand con i nuovi adepti. Inoltre, essendo legati ad un evento singolo e prodotte come sempre in edizione limitata, il prezzo al resell rimane alto – Paris e London oggi sono intorno ai 1000 euro – nonostante il tendenziale calo dei prezzi a resell di Supreme.

Il drop dedicato all’apertura di Milano avrà un’importanza simbolica molto importante per varie motivi: è il primo della nuova proprietà e soprattutto segna la fine della lotta contro il legit fake iniziata proprio in Italia nel 2017.