Eddie Murphy torna nel sequel di Il Principe cerca Moglie trasmesso e prodotto da Amazon Prime Video: il Principe cerca Figlio

il principe cerca figlio - neomag.

Il sequel di Il principe cerca moglie è diventato realtà 32 anni dopo l’uscita nei cinema dell’originale che rese celebre Eddy Murphy. Il titolo del capitolo successivo è Il principe cerca figlio e questa è la trama: Hakeem, diventato re di Zamunda, ha bisogno di un erede maschio che non è mai arrivato (ha tutte figlie femmine) e gli viene detto che nel Queens c’è un suo figlio illegittimo. Dovrà andare lì a prenderlo e farlo passare dalla vita di quartiere a quella di palazzo. Come spesso avviene nei sequel, la storia raddoppia e, se non si può gonfiare il meccanismo alla base dell’originale, si esplora il suo opposto: non più un ricco e nobile erede, ingabbiato da molte regole che sperimenta la libertà in un contesto popolare di New York, bensì un popolano che deve imparare a diventare re, obbedendo alle regole e cavalcandole a suo modo.

                  

Piccolo Fan Facts

Sembra che il sequel che per 32 anni non si era palesato, sia opera di Terminator – Destino oscuro. Prima di vederlo, infatti, Eddie Murphy non aveva voglia né intenzione di tornare indietro su un film che aveva giù avuto il suo successo. Ma poi, guardando il film di Terminator, ha avuto l’idea che ha messo in moto tutto. La differenza l’ha fatta una delle scene iniziali in cui si vede Arnold Schwarzenegger giovane in un flashback: è girata oggi ma con la tecnologia del deaging, il ringiovanimento digitale già usato in molti altri lavori.

Lì mi è saltato in testa che avremmo potuto ringiovanire me e Arsenio [Hall, la sua spalla nell’originale, ndr], e creare una nuova sequenza nel club dove nel primo film andiamo a cercare delle ragazze. In quella nottata io torno a casa con una ragazza, sono fatto e via, era tutto quello di cui avevamo bisogno”.

eddy murphy - neomag.

Il rifiuto del sequel in passato

In passato non erano mancate proposte di un sequel di Il principe cerca moglie, tutte rifiutate, anche quella di Ryan Coogler (prima che dirigesse Black Panther) in cui Michael B. Jordan avrebbe interpretato suo figlio a caccia anche lui di una donna nella stessa maniera in cui fece il padre. L’errore di Coogler è stato madornale: chiedere a una star di fare il seguito di un suo film di immenso successo levandogli il ruolo da protagonista. Ovviamente Murphy rifiutò con la seguente motivazione:

“Ma così il protagonista è il figlio! È una storia che abbiamo già fatto”, e ogni discussione si chiuse.