Tommy Cash è uno dei rapper più eclettici dei tempi nostri, esempio di come un’idea forte può superare le barriere linguistiche

Tommy Cash - neomag.

Tommy Cash è un personaggio, nonchè un rapper, che dovete assolutamente conoscere. Il suo nome completo all’anagrafe è Thomas Tammemets, rapper classe 1991, che, oltre a far parlare di sé per la sua musica ispirata chiaramente all’estetica post-sovietica, si sta affermando pian piano anche come personaggio capace di influenzare il mondo della moda con la sua stranezza.



Tommy Cash per Maison Margiela

Tommy Cash è l’esempio di come un’idea forte, su un immaginario pazzesco, possa superare qualsiasi barriera linguistica. Tra strofe in estone e un inglese masticato dall’accento dell’est, la sua musica non ha problemi a emanciparsi dell’Estonia per diventare globale e virale. Estetica post-sovietica, sportwear in acetato, sensibilità da cortina di ferro. Tommy ha l’ambizione di diventare un artista cult, dove arte e provocazione hanno più valore di contratti major e video bling bling. La sua prima comparsa nel fashion system l’ha fatta come modello per la presentazione della collezione “Babel” di Rick Owens.

Sempre nello stesso anno, assieme allo stilista ha realizzato una controversa mostra d’arte, “The Pure The Damned”. Cash è finito sotto l’osservazione di Maison Margiela, dopo aver raffigurato il logo del marchio di moda su un paio di scarpe fatte di pane durante la mostra: progetto che, soltanto nelle ultime ore, è finalmente diventato realtà. Il singolare pezzo footwear in questione prende le sembianze di una pagnotta appena sfornata, con i branding Cash e Margiela ricamati sulla tomaia.

Le superstar più lunghe del mondo

La collaborazione di Cash per Maison Margiela arriva poco dopo aver lanciato le Superstar più lunghe del mondo, quasi un metro, in collaborazione con adidas. Il Rapper estone ha un gusto eclettico, evidente anche nella sua musica e per capirlo basta dare un’occhiata ai suoi video. Rappresentano i suoi pensieri e le sue idee, sono come un viaggio attraverso il subconscio dell’autore, un subconscio che è incasinato, ma perfettamente originale. Tommy scrive tutti gli script dei video di suo pugno e recentemente ha messo insieme un video per “Leave Me Alone”, un visual impressionante che racconta la desolazione truce delle periferie abbandonate che circondano la sua città.

Una personalità di cui sicuramente sentiremo parlare e che ha ancora tanto in serbo da mostrare al suo pubblico e alla moda.